sabato 25 gennaio 2014

PROFUMI E SAPORI D'ALTRI TEMPI: IL CASTAGNACCIO DE "LA CUCINA ITALIANA"

La ricetta è della mia rivista preferita, "La Cucina Italiana".

Ho però modificato le quantità indicate per dar fondo a un sacchetto di farina di castagne da 500 gr.
Inoltre, ho ridotto l'uvetta (che in famiglia piace a pochi), aumentato i pinoli (che adoriamo) e utilizzato olio di riso al posto di quello d'oliva.

Il risultato?
Un profumo e un sapore d'altri tempi...

Grazie, "La Cucina Italiana"!

 "IL CASTAGNACCIO"

CHE COSA SERVE?
- 500 gr. di farina di castagne
- 75 gr. di zucchero semolato
- 50 gr. di uvetta
- 50 gr. di pinoli
- un rametto (piccolo) di rosmarino
- 4 cucchiai di olio di riso (corrispondenti a circa 60 gr.)
- un po' di olio per ungere la teglia
- 1 litro circa di acqua fredda (metà dell'acqua può essere sostituita con latte)
- sale


COME FACCIO?

1. METTO IN AMMOLLO l'UVETTA circa mezz'ora prima di utilizzarla.

2. PRERISCALDO il forno (ventilato) a 200°C.

3. MESCOLO nella planetaria: FARINA di CASTAGNE, OLIO di RISO, ZUCCHERO, SALE, ACQUA (deve risultare un impasto abbastanza liquido e senza grumi).

4. SPENNELLO con OLIO di RISO o d'OLIVA una PIROFILA del diametro di cm. 28.

5. VERSO il composto nella teglia e aggiungo l'UVETTA strizzata, metà dei PINOLI e la foglie di ROSMARINO.

6. INFORNO e cuocio per 10 minuti circa. Trascorso questo tempo, DISTRIBUISCO sulla superficie del castagnaccio i PINOLI rimasti.

7. CONTINUO LA COTTURA per altri 35 minuti circa (totale 45 minuti).

SODDISFAZIONE ***
PAZIENZA*

Avete visitato il mio sito

21 commenti:

  1. Ma che brava! Io nn mi ci sono ancora cimentata... nel frattempo assaggio il tuo! ;) buona domenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come vorrei potertelo far assaggiare veramente!!!
      Bacioni.

      Valeria

      Elimina
  2. Appreciation to my father who shared with me about this weblog, this weblog is in fact amazing.


    Feel free to visit my homepage ... Seo Services

    RispondiElimina
  3. Adoro il castagnaccio e questa versione alta e morbida, molto dolce è da provare! In Toscana lo facciamo basso basso e senza zucchero, il tuo sembra un vero e proprio dolce :-D fantastico!
    Buona domenica cara <3
    la zia Consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece vorrei provare quello senza zucchero: tutte le versioni che conosco sono dolci!
      Grazie della tua consueta gentilezza.
      bacioni.

      Valeria

      Elimina
  4. Fantastico castagnaccio!
    con questo non si sbaglia mai, ammesso che piaccia davvero. Io in autunno ne feci una versione moderna lievitata, con le albicocche al posto della farina di castagne: è stato un successo assicurato.
    Come del resto, questo tuo classicissimo.
    Un abbraccio!
    Leo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una versione con le albicocche???
      L'hai postata, mi auguro!
      Grazie, carissimo.

      Valeria

      Elimina
    2. Si eccola qua:
      http://monsieurtatin.blogspot.it/2013/10/i-grandi-classici-la-voce-di-petto-e-il.html?m=1

      Elimina
    3. E' vero!!!
      L'avevo già vista e mi aveva colpito (ma noi nonni non abbiamo buona memoria...).
      Baci.

      Valeria

      Elimina
  5. Mamma quanto è bello il tuo castagnaccio, ne assaggerei molto volentieri una fetta!!
    Bravissima Valeria!!!
    Un mega bacio e buona serata
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il castagnaccio è buonissimo, ma quanto è difficile da fotografare!!!
      Praticamente, è fotogenico come me...
      Un bacione, carissima.

      Valeria

      Elimina
  6. Questo catagnaccio è veramente stupendo, anche per me che non amo particolarmente i dolci a base di castagne...le tue foto rendono accattivanti anche quei piatti che normalmente non mi farebbero gola....ma si sa, anche l'occhio vuole la sua parte, quindi complimenti davvero!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei troppo gentile, Serena!!!
      A presto.

      Valeria

      Elimina
  7. Ma che meraviglia di ricetta! Io poi adoro questo tipo di preparazioni con le castagne. Viene una gran voglia di addentarne (più di) una fetta.

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, noi l'abbiamo smantellato in un batter d'occhio!!!
      Grazie della visita, Fabio.
      A presto.

      Valeria

      Elimina
  8. Solo mia nonna mia cara, riusciva a farlo in questa stupenda maniera e mi vengono in mente stupendi ricordi!
    Che delizia..e che meraviglia il titolo del tuo blog , che unisce la tua professione alla tua passione e alla nostra cura....
    Fantastico..
    Mi sono subito iscritta , sarei tanto felice in un tuo ricambio
    http://rockmusicspace.blogspot.it/
    Abbraccio della sera!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricambio con immenso piacere: il tuo blog è magnifico!!!
      Grazie della visita e arrivederci presto...
      Un abbraccio.

      Valeria

      Elimina
  9. Ciao, passo per la prima volta nella tua "cucina". Complimenti, qui ci sono un sacco di cose buone!
    A presto, Alessia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, cara Alessia!
      Ho visto anche il tuo blog: così versatile, così bello!!!
      Complimenti e bacioni.

      Valeria

      Elimina